Giacomo Bonino (Duddu)

Home / Artisti / Giacomo Bonino (Duddu)
Giacomo Bonino (Duddu)

Giacomo Bonino (Duddu)

http://www.dudduddu.wordpress.com

Giacomo Bonino (in arte Duddu) sceglie come ambientazione dei suoi lavori il mondo reale e come cifra grafica uno stile preciso, a tratti puntiglioso, che gli permette di riportarci al suo amore per il dettaglio.

Il rigore che si è prefissato deraglia totalmente nella scelta dei protagonisti dei suoi lavori, sostituisce gli umani con delle rane, buffe e dolci ma tuttavia idiosincratiche come solo noi sappiamo essere.

Non ci si interroghi sulla scelta dei batraci, è una regola del mondo di Duddu, e se vogliamo godere dei suoi lavori dobbiamo accettare la sua norma.

 

 

La Rana, questo personaggio senza un nome proprio, frutto di un gioco tra ragazzini in una casa di campagna, in una sera di settembre del 1999.

Due occhi a palla, una curva per la bocca e per le “sopracciglia”, due narici, quattro semplici arti e delle zampette appuntite. Poco a che vedere con gli anfibi reali. Una faccia così semplice da sembrare inespressiva. Eppure, già dalla sua nascita fortunosa, aveva ambizioni di grandezza. Con una certa prepotenza desiderava imporsi, nonostante tutto, e conquistare il mondo.

Prendendo il monopolio dei miei disegni, partecipando a battaglie di scarabocchi con altri amici, negli anni si è fatta strada. Ha percorso distanze, colonizzato i luoghi più disparati, veri e letterari, e i tempi più diversi della storia umana, vestito innumerevoli panni, sempre con quel sorrisetto un po’ ebete.

Del 2013 è la sua prima uscita “pubblica”, o meglio, l’entrata nella casa di un committente privato, grazie a un mecenate affezionato, che chiede, come regalo alla fidanzata, alcuni scatti di una storia d’amore tra Rane, ambientata a Parigi.

Seguono altre chiamate, che portano avanti il cammino delle Rane, in modo quasi indipendente dalla volontà del suo autore. La gente sembra amare le rane. Forse sono abbastanza simili agli umani, ma non abbastanza da provocare quelle spiacevoli sensazioni che il genere umano immancabilmente suscita. È un mondo colorato di Rane, dopo tutto.

Ecco poi le serie di cartoline per Bookowski, con gli scrittori celebri, e  quelle, ispirate alle canzoni di De André, per Via del Campo 29 rosso. Qui, grazie all’affetto che in tantissimi nutrono per Faber, ancora continua la vendita di cartoline e stampe. La genovesità del cantautore fa sì che alcuni disegni siano portati in mostra in una esposizione su Genova a Nantes (marzo 2017).

Si può dire che le rane abbiano già in parte conquistato il mondo. Sia sulla carta, sia fisicamente spedite per posta e corriere, quando commissionate da conoscenti stranieri, sono state viste qui a Genova, in Sicilia, in Grecia, in Inghilterra, Germania, Ungheria, Francia, Messico, Giappone…

Alcune Rane di recente sono state anche avvistate nello Spazio.

 

Con la serie delle AtmosfeRane, realizzate tutte nell’arco di due settimane nel dicembre 2019, Duddu propone una serie atmosfere colte durante l’inverno genovese. Delle monadi che isolano un momento, un personaggio o una sensazione.